.
Want Wikipedia to look like this?   
Click here to upgrade your Wikipedia experience
Marina Militare | QuickiWiki

Marina Militare

  IT

Overview

Marina Militare
Descrizione generale
Attiva 2 giugno 1946 - oggi col nome attuale, ma fondata come Regia Marina il 17 marzo 1861
Nazione Italia Italia
Alleanza Natoflag.gif NATO
Tipo Marina militare
Dimensione 32.000 effettivi nel 2013
Stato maggiore della Marina Palazzo Marina - Piazza della Marina, 4
00196 Roma
Patrono Santa Barbara
Motto Patria e Onore
Colori blu e bianco
Anniversari 10 giugno (festa della Marina Militare)
Decorazioni Vedi le decorazioni alla bandiera
Sito internet www.marina.difesa.it
Parte delle
Corpi dipendenti
Comandanti
Capo di stato maggiore della Marina ammiraglio di squadra Giuseppe De Giorgi
Comandanti degni di nota Gino Birindelli, Luigi Durand de la Penne
Simboli
Bandiera Naval Ensign of Italy.svg
Bandiera di bompresso (recto) Naval Jack of Italy.svg
Bandiera di bompresso (verso) Naval Jack of Italy (verso).svg
Forze speciali (TIER 1)
Badge of raiders category of the Italian Navy.svg G.O.I. - Gruppo Operativo Incursori

Fonti citate nel corpo del testo

Voci su marine militari presenti su Wikipedia


Stemma araldico della Marina Militare - Marina Militare
Stemma araldico della Marina Militare
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando la voce riguardante le marine militari, vedi Marina militare.

La Marina Militare costituisce una delle quattro forze armate della Repubblica Italiana, insieme a Esercito Italiano, Aeronautica Militare e Arma dei Carabinieri: ad essa sono affidati il controllo e la condotta delle operazioni navali nelle acque territoriali ed internazionali.

La sua storia inizia nel 1946 dopo la seconda guerra mondiale con la nascita della Repubblica, ereditando la struttura della Regia Marina e quelle unità navali che le condizioni armistiziali e del trattato di pace lasciavano all'Italia. Dopo un'espansione dovuta anche alla cessione da parte degli Stati Uniti d'America di alcune unità navali e a un programma di costruzioni noto come "legge navale", necessario per far fronte alla minaccia proveniente dal Patto di Varsavia, a partire dalla fine del XX secolo è stato attuato un programma di ridimensionamento dovuto alla rivalutazione dei compiti della forza armata.

La sua missione, inizialmente all'interno della NATO e successivamente anche dell'Unione europea, consiste nel mantenimento di una continua e credibile presenza nell'area mediterranea, nel controllo dei mari italiani con dispositivi aeronavali e relativo supporto terrestre, nella cooperazione con le forze navali alleate, nel mantenimento di una forza di superficie e di una forza subacquea in grado di operare autonomamente garantendosi una protezione da offese aeree, di superficie e subacquee, cui affiancare una componente anfibia in grado di svolgere limitate operazioni[1].

In base alle nuove esigenze di bilancio imposte dall'abolizione del servizio di leva e alla revisione della spesa pubblica cominciata per far fronte alla crisi economica iniziata nel 2008, la Marina Militare sta riducendo il personale che, dai 32.000 effettivi del 2013[2], passerà a 27.000 nel 2024.[3]

Storia

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi storia della Marina Militare italiana.

Le origini

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Regia Marina.

La Marina italiana nacque il 17 novembre 1860 con l'unificazione della Marina sarda con le marine borbonica (che andò poi a costituire la gran parte della futura Regia Marina del Regno d'Italia), toscana e pontificia e successivamente assunse la denominazione di "Regia Marina" il 17 marzo 1861, a seguito della proclamazione del Regno d'Italia da parte del parlamento di Torino[4]. Dopo la disfatta subita a Lissa, essa fu impegnata prima nella guerra italo-turca[5] e poi nella prima guerra mondiale; in quest'ultima, essa non partecipò mai ad alcuna vera e propria "battaglia navale" con la flotta austro-ungarica, ma famose sono rimaste le azioni di quella che diventò in seguito la Xª Flottiglia MAS[6].

Nel dopoguerra venne avviato un grande progetto di ammodernamento e ampliamento della flotta[7] la quale però venne sconfitta dalla Royal Navy britannica nella battaglia del Mediterraneo[8].

Dal 1946, in seguito alla proclamazione della Repubblica, la Regia Marina assunse la nuova denominazione di Marina Militare.

La seconda metà degli anni '40: l'immediato dopoguerra e l'adesione alla NATO

Bandiera della NATO. - Marina Militare
Bandiera della NATO.
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Consegna della flotta italiana agli Alleati.

Verso la fine della seconda guerra mondiale[9], l'Italia si presentava come una nazione devastata da cinque anni di conflitto; nonostante l'importante contributo delle forze navali italiane durante il periodo di cobelligeranza, successivo all'armistizio proclamato l'8 settembre 1943 e all'accordo di cooperazione con gli Alleati siglato a Taranto il 23 settembre dello stesso anno, la Marina versava in condizioni drammatiche, con le infrastrutture e le installazioni in gran parte inutilizzabili e con i porti minati o ingombri di relitti affondati[10].

Il trattato di pace firmato il 10 febbraio 1947 a Parigi, si rivelò inoltre particolarmente gravoso per la Marina, ponendo una serie di restrizioni operative e tecnologiche[11]. Oltre alle cessioni territoriali e materiali imposte all'Italia in generale, vi furono anche:

  • restrizioni di carattere militare riguardanti il divieto di installazioni fisse di difesa costiera per tutte le forze armate in prossimità delle frontiere terrestri e marittime con Francia e Jugoslavia[12];
  • divieto per tutte le forze armate di possedere, costruire o sperimentare armi atomiche, proiettili ad autopropulsione con i relativi dispositivi di lancio, cannoni con gittate superiori ai 30 km, mine e siluri provvisti di congegni di attivazione ad influenza[13];
  • divieto di costruire, acquistare o sostituire navi da guerra, sperimentare unità portaerei, naviglio subacqueo, motosiluranti e mezzi d'assalto di qualsiasi tipo[14];
  • divieto di mettere in opera qualsiasi tipo di installazione militare nelle isole di Pantelleria, di Pianosa e nell'arcipelago delle Pelagie[15];
  • consegna, a titolo di riparazione di guerra, alle nazioni vincitrici (Stati Uniti, Unione Sovietica, Gran Bretagna, Francia, Jugoslavia, Albania e Grecia) di 3 corazzate, 5 tra incrociatori ed esploratori, 7 cacciatorpediniere, 6 torpediniere, 8 sommergibili e una nave scuola[16].

Infine il totale del naviglio militare dislocato, fatta eccezione per le navi da guerra, non doveva superare le 67.500 tonnellate, mentre il personale effettivo non poteva superare le 25.000 unità[17].

I grossi mutamenti in atto nella situazione politica internazionale convinsero Gran Bretagna e Stati Uniti a rinunciare alle loro aliquote di naviglio, pretendendone però la demolizione[18]; in ciò furono imitati in piccola parte anche dalla Francia. L'Unione Sovietica pretese la consegna di gran parte delle unità ad essa attribuite (tra cui la corazzata Giulio Cesare e la nave scuola Cristoforo Colombo), ad eccezione del cacciatorpediniere Riboty e di alcune unità (motosiluranti e rimorchiatori) completamente inefficienti.

La crescente attenzione rivolta dall'Unione Sovietica verso i paesi del mar Mediterraneo, con i conseguenti tentativi da parte degli Stati Uniti di contrastare l'aumento dell'influenza sovietica nell'area, trasformò i mari italiani in uno dei principali luoghi di confronto tra le grandi potenze internazionali, contribuendo alla riaffermazione dell'importanza dell'Italia e dei suoi porti, grazie alla loro posizione geografica strategica.

Il 4 aprile 1949, l'Italia sottoscrisse il Trattato Nord Atlantico[19] (NATO), ribadendo la sua impossibilità a contribuire attivamente all'interno dell'organizzazione e questo portò diplomaticamente, sul finire del 1951, alla revoca definitiva dei vincoli del trattato di pace con il consenso di tutte le nazioni occidentali. Con l'adesione alla NATO, alla Marina fu assegnato il controllo del mare Adriatico e del Canale d'Otranto, nonché la difesa delle linee di comunicazione marittime nel mar Tirreno. Per assolvere a questi compiti, fu realizzato già nel novembre del 1949 uno "Studio sul potenziamento della Marina italiana in relazione al Patto Atlantico", con il quale si individuavano le strutture e le modalità di potenziamento della Marina Militare stessa[20].

Gli anni cinquanta

Venute meno le clausole del trattato di pace che vietavano all'Italia il possesso di sommergibili, e con l'ingresso di essa nella NATO, nell'ambito del programma di potenziamento navale avviato nel 1950 venne anche avviata la ricostituzione della componente subacquea. Anche grazie al programma "MDAP" (Mutual Defence Assistance Program) giunsero dagli USA due cacciatorpediniere del tipo Benson/Livermoore e altre tre unità di scorta che, utilizzate come fregate, costituirono la classe Aldebaran[21]. Vennero avviati nello stesso periodo anche i lavori di ricostruzione/trasformazione di due incrociatori leggeri della classe Capitani Romani, trasformati nei cacciatorpediniere San Giorgio e San Marco entrando in servizio tra il 1955 e il 1956. Furono poi realizzate quattro corvette della classe Alcione, prime unità di scorta costruite in Italia nel dopoguerra, e due cacciatorpediniere della classe Indomito, oltre a quattro fregate classe Centauro.

Nella seconda metà degli anni cinquanta vennero emanate da parte dello stato maggiore della Marina le direttive per un nuovo programma di potenziamento noto come "Programma 1958", il quale prevedeva la realizzazione di[22]:

In quegli anni, precisamente nel 1956 (anno di nascita dell'Aviazione Navale), la Marina iniziò a sperimentare i primi elicotteri, inizialmente degli AB47-G decisamente insufficienti come capacità operative, ma che servirono ad effettuare indispensabili prove sulle fregate della classe Bergamini, che nel 1958 furono le prime unità di scorta al mondo ad imbarcare elicotteri[23]. Gli elicotteri vennero presto sostituiti dalla versione potenziata AB47-J, che grazie ai pattini più alti poteva ospitare un siluro, e nel 1959, sempre grazie al "MDAP", arrivarono due elicotteri SH-34 Seabat[23].

Gli anni sessanta

L'incrociatore lanciamissili Vittorio Veneto, entrato in servizio nel 1969 come nave ammiraglia - Marina Militare
L'incrociatore lanciamissili Vittorio Veneto, entrato in servizio nel 1969 come nave ammiraglia

La scadenza degli obiettivi del "Programma 1958" venne rispettata a rilento per le difficoltà finanziarie derivate dall'inevitabile aumento dei costi iniziali[24].

Intanto proseguiva il potenziamento della flotta attraverso l'arrivo di unità provenienti dagli Stati Uniti, con l'acquisizione di tre sommergibili della classe Balao: Evangelista Torricelli, Francesco Morosini e Alfredo Cappellini. A questi si aggiunsero le unità di supporto logistico ed anfibio Etna, Anteo, Bafile e Cavezzale. Nel 1964 venne ricostituito il battaglione San Marco, dopo che i fucilieri di marina nel 1951 erano stati inquadrati in un'unità interforze ("Settore Forze Lagunari") sciolta nel 1956[25].

Nel 1963 venne avviata la costruzione della classe Enrico Toti, prime unità sommergibili costruite in Italia nel dopoguerra, che sarebbero entrate in servizio nel 1968. A questi si aggiunsero le fregate portaelicotteri Alpino e, alla fine del decennio, nel 1968, vennero impostate le due unità missilistiche della classe Audace[26]. La realizzazione più significativa del decennio fu, però, la costruzione dell'incrociatore lanciamissili portaelicotteri Vittorio Veneto entrato in servizio nel 1969 come nuova nave ammiraglia della flotta[26]. Ancora nel 1969 giunsero dagli Stati Uniti anche tre cacciatorpediniere della classe Fletcher: Fante[27], Lanciere[28] e Geniere[29].

Gli anni settanta e la legge navale

Gli anni settanta si aprirono con la crescente minaccia sovietica costituita dalla squadra del Mediterraneo[30] e da una consistente forza aerea che aveva le sue basi sul litorale nordafricano, che imponevano la necessità di adeguare lo strumento navale nazionale. Nel 1970, dei 1.510 miliardi di lire destinati alla Difesa l'aliquota destinata alla Marina fu di 200 miliardi, a causa di concezioni strategiche che privilegiavano le esigenze delle forze aeree e di terra che operavano lungo il confine nord-orientale.

Un parziale incremento della forza operativa si ebbe tra il 1972 e il 1974 con l'entrata in servizio delle unità della classe Audace e con l'arrivo dagli Stati Uniti di quattro sommergibili, due navi da sbarco classe Grado e tre cacciatorpediniere[31].

La progressiva radiazione del naviglio più anziano non compensata dall'entrata in servizio di nuove unità ed il lento processo di ammodernamento in un'area sempre più difficile come il bacino del Mediterraneo, rendeva il compito della Marina Militare sempre più complesso, specie alla luce della situazione internazionale che con il riaccendersi, nel 1973, nella regione medio orientale, del conflitto arabo-israeliano, acuiva le tensioni sullo sfondo della guerra fredda. D'altra parte più vicino all'Italia la Libia diventava sempre più minacciosa, soprattutto dopo l'attacco condotto nell'ottobre del 1972 da un Mirage libico contro la corvetta Pietro De Cristofaro, impegnata in una missione di vigilanza pesca, che rispose all'attacco con le armi di bordo riportando però un morto e due feriti[32].

Le esigenze della Marina vennero dunque raccolte in un documento intitolato "Prospettive ed orientamenti di massima della Marina Militare per il periodo 1974-84", noto come "Libro Bianco della Marina"[33], nel quale si evidenziava come una volta completato il programma costruttivo ordinario, tenendo conto delle unità che si sarebbero dovute ritirare dal servizio entro la metà degli anni ottanta era indispensabile il ricorso ad uno stanziamento straordinario di fondi per consentire, nell'arco di un decennio, la realizzazione di ulteriori unità indispensabili per mantenere un ragionevole livello di efficienza e credibilità. Si richiedeva quindi l'acquisizione di nuove unità così ripartite:

La "legge navale" che dava attuazione al programma venne approvata dal Parlamento il 22 marzo 1975[31] con un'ampia maggioranza e si rivelò di grande importanza anche per l'industria cantieristica nazionale.

Il programma a medio termine da portare avanti con la maggior parte degli stanziamenti ordinari prevedeva la realizzazione di quattro fregate lanciamissili classe Lupo, due sottomarini classe Nazario Sauro, otto aliscafi classe Sparviero una rifornitrice di squadra classe Stromboli, una nave idrografica e altro naviglio d'uso locale impegnando così 735 miliardi di lire delle 1.000 totali previste dalla legge navale[34]. Con i restanti 235 miliardi di fondi[34] lo stato maggiore preferì concentrare le risorse disponibili sulle costruzione di nuove unità navali come il nuovo incrociatore portaeromobili Garibaldi e un gruppo di quattro cacciamine di nuova concezione[34], limitando al massimo i lavori di ammodernamento sul naviglio in servizio. All'epoca il Garibaldi veniva definito "incrociatore tuttoponte", anche a causa del regio decreto n. 645 del 28 marzo 1923, atto costitutivo della Regia Aeronautica, che in forza ad esso veniva a comprendere "tutte le Forze Aeree Militari del Regno e delle colonie dell'Esercito e della Marina"[35], pertanto Esercito e Marina non potevano possedere propri velivoli. L'avvento degli elicotteri, non esistenti all'epoca del decreto in questione, permise alla Marina di dotarsi comunque di una propria componente ad ala rotante, mentre per gli aerei antisommergibile (comunque in forza all'Aeronautica Militare) si ricorreva ad equipaggi misti Aeronautica/Marina. Solo successivamente verrà rinominato "portaerei".

La fine del decennio vide la Marina Militare impegnata, nell'estate del 1979, in un'azione umanitaria lontano dalle acque italiane in favore dei Boat people del Vietnam, quando un gruppo navale formato dagli incrociatori Vittorio Veneto e Andrea Doria e dal rifornitore di squadra Stromboli si rese fautore del salvataggio di quasi mille naufraghi nel Mar Cinese meridionale[36]. In questa occasione alla bandiera della Marina Militare venne conferita la medaglia d'oro per i benemeriti della salute pubblica, prima decorazione ottenuta dopo la seconda guerra mondiale.

Gli anni ottanta e gli impegni internazionali

Dopo dieci anni dall'approvazione della legge navale del 1975, erano entrati in servizio la portaerei Garibaldi, due sommergibili Sauro, le otto fregate Maestrale, sei aliscafi Sparviero, i primi quattro cacciamine della classe Lerici, il secondo rifornitore di squadra tipo Stromboli e la nave salvataggio Anteo, mentre non era ancora iniziata la costruzione dei due cacciatorpediniere lanciamissili e del secondo gruppo di sei cacciamine[37]. I programmi a breve termine dello stato maggiore intanto prevedevano l'ammodernamento dei due Audace, e la costruzione di una terza serie di due sommergibili Sauro, di un terzo rifornitore di squadra, e di quattro corvette classe Minerva[37].

La fine del decennio, vedeva l'entrata in servizio nella prima parte del 1988 delle navi da sbarco San Giorgio e San Marco in sostituzione delle unità della classe Grado e sancire con la Legge 26 gennaio 1989, ratificata dal presidente Cossiga il successivo 1º febbraio, la costituzione di un'aviazione navale imbarcata[38], con la scelta del velivolo che cadde sull'AV-8B Harrier. Entrarono poi in servizio le corvette della 1ª serie della classe Minerva e prese il via la costruzione della 2ª serie, così come venne avviata la costruzione dei pattugliatori d'altura della classe Cassiopea, la cui prima unità entrò già in servizio nel 1989, anno in cui venne avviata la costruzione dei cacciatorpediniere lanciamissili Animoso e Ardimentoso destinati a sostituire i due Impavido e vennero completati i lavori di ammodernamento, iniziati nel 1987, delle imbarcazioni Audace e Ardito.

Furono questi gli anni che videro i primi impegni della Marina Militare in missioni internazionali, con l'invio nell'aprile del 1982 di un gruppo navale di pattugliamento, a Sharm el-Sheikh nel golfo di Aqaba, nell'ambito della Forza Multinazionale e di Osservatori delle Nazioni Unite per il rispetto degli accordi di Camp David. Successivamente la Marina Militare partecipò alla missione in Libano dal settembre 1982 al marzo 1984 in operazioni di pattugliamento davanti alle coste libanesi e di scorta al naviglio mercantile e militare impiegato per il trasporto dall'Italia dei reparti dell'Esercito e del Battaglione San Marco. Nell'agosto 1984 poi, dopo che alcune esplosioni di mine navali nel Mar Rosso nella zona immediatamente a sud del Canale di Suez provocarono l'interruzione della navigazione commerciale[39], la Marina Militare partecipò alle operazioni di bonifica con l'invio di un gruppo navale formato da tre dragamine della classe Legni che erano stati trasformati in cacciamine e dalla nave appoggio Cavezzale[40] con funzioni di nave comando in un'operazione denominata "Missione Mar Rosso".

La seconda metà del decennio vide per la marina impegni sempre più gravosi nei nuovi scenari che andavano profilandosi. Se nel 1985, con l'irrompere sulla scena internazionale di Michail Gorbačëv, tra est e ovest iniziava un periodo di distensione, il Mediterraneo rimaneva sempre un'area di confronto fra le due superpotenze e la diffusione dell'integralismo islamico fortemente antioccidentale ed antiamericano era causa di forti tensioni ed instabilità[40]. Con il sequestro dell'Achille Lauro avvenuto il 7 ottobre 1985 ad opera di un gruppo terroristico palestinese, la mobilitazione che ne seguì, denominata "operazione Margherita", vide un'ampia partecipazione della Marina[41], e la circostanza evidenziò la necessità di una più efficace componente aerea per il pattugliamento marittimo a largo raggio. Successivamente, in seguito alle tensioni e alla crisi tra Stati Uniti e Libia, il 15 aprile 1986 vi fu un attacco missilistico contro la stazione LORAN gestita dagli Stati Uniti sull'isola di Lampedusa: l'attacco evidenziò la scarsa efficacia delle rete di allarme radar e la mancanza di una qualsiasi forma di difesa contro attacchi missilistici. Scattò quindi un'operazione di dispiegamento nel Canale di Sicilia di naviglio d'altura con funzioni di controllo radar denominata "operazione Girasole" che aveva come scopo quello di estendere quanto più possibile verso sud la sorveglianza antiaerea ed antimissile[41]. Ma un altro impegno attendeva le unità italiane e questa volta in uno scenario operativo ben più distante dalla madrepatria.

Dopo anni di guerra in cui il conflitto Iran-Iraq era in situazione di stallo, il Golfo Persico era balzato alla ribalta dell'opinione pubblica mondiale quando Iran ed Iraq estesero le ostilità al traffico marittimo commerciale coinvolgendo anche navi appartenenti a nazioni neutrali. Tra queste venne anche coinvolta la motonave italiana Jolly Rubino, attaccata dai "Guardiani della rivoluzione" iraniani[42], e la cosa spinse la Marina Militare ad inviare un contingente nell'area denominato "18º Gruppo Navale", formato da fregate, unità logistiche e cacciamine impegnate in operazioni di scorta al naviglio mercantile e di bonifica da mine navali[37]. Al termine della missione, denominata Golfo 1, la bandiera della Marina Militare venne decorata con la croce di cavaliere dell'Ordine militare d'Italia[40].

Gli anni novanta

Gli anni novanta iniziarono per la Marina Militare con un ritorno nel Golfo Persico[43]. Dopo che era terminata nel settembre 1988 la guerra Iran-Iraq, il 2 agosto 1990 il Raʾīs iracheno Saddam Hussein invase il vicino stato del Kuwait in nome di un'antica pretesa di Baghdad di recuperare un territorio che era stato in età più antiche dipendente dal Governatorato iracheno di Bassora in età ottomana. L'invasione provocò le immediate sanzioni da parte dell'ONU che lanciò un ultimatum, imponendo il ritiro delle truppe irachene. La richiesta non conseguì risultati e il 17 gennaio 1991 iniziò la Guerra del Golfo e le navi della Marina Militare si trovarono a far parte della coalizione internazionale. Dislocate nelle acque del Golfo Persico, le unità italiane assicurarono, in concorso con le altre forze multinazionali, l'applicazione delle risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, partecipando al controllo dell'embargo, conducendo azioni di controllo del naviglio sospetto e potenzialmente ostile. Successivamente, durante la fase delle operazioni militari, le unità italiane in concorso con altre forze navali contribuirono alla protezione diretta delle principali unità della forza multinazionale. Al termine delle operazioni militari poi, ripresero l'attività di embargo, partecipando allo stesso tempo alla bonifica delle acque del Golfo dai campi minati. Per questa missione, durata esattamente un anno e terminata nell'agosto del 1991, la bandiera della Marina Militare venne nuovamente decorata con la croce di cavaliere dell'Ordine militare d'Italia. La missione nel suo complesso ha comportato 385 giornate di navigazione e 1.200 ore di volo da parte dei 12 elicotteri imbarcati[44].

Successivamente la Marina Militare prese parte insieme all'Esercito e all'Aeronautica con l'invio del Battaglione San Marco alla missione Ibis svolta tra il maggio 1993 e il marzo 1994 nell'ambito della missione delle Nazioni Unite UNOSOM II, che a sua volta era parte dell'operazione Restore Hope il cui compito era quella di fornire, facilitare e proteggere gli aiuti umanitari in Somalia e il monitoraggio del cessate il fuoco ottenuto con la mediazione ONU nel conflitto civile somalo nei primi anni novanta.

Altro fronte in cui le unità della Marina Militare sono state impegnate è quello della lotta all'immigrazione clandestina in Adriatico e nel canale di Sicilia. Nell'ambito della lotta all'immigrazione selvaggia ed in seguito alla crisi scoppiata in Albania, nel 1997 si svolse l'operazione Alba che vide la partecipazione in varia misura di undici nazioni, con lo sbarco di truppe e mezzi oltre che di aiuti umanitari alla popolazione albanese. Questa fu la prima missione internazionale a guida italiana e la Marina vi partecipò con le proprie unità e con unità della Guardia Costiera per la parte marittima e contribuendo con il Battaglione San Marco alle operazioni terrestri. Al termine della missione, svoltasi dal 3 marzo al 12 agosto 1997, la bandiera della Marina Militare venne ancora una volta decorata con la croce di cavaliere dell'Ordine militare d'Italia.

Il Battaglione San Marco è stato presente anche in Cossovo[45] e in Eritrea come deterrente durante la guerra con l'Etiopia, mentre nel 1999 un gruppo di incursori del COMSUBIN trasportato dalla nave San Giusto è stato inviato nella zona della crisi di Timor Est.

Per quanto riguarda le unità in servizio l'inizio del decennio vide l'entrata in scena della 2ª serie della classe Minerva e della 2ª serie della classe Cassiopea e l'uscita di scena dei Doria e dei due Impavido. Nel 1993 entrarono in servizio i due cacciatorpediniere De la Penne; nel 1991 veniva avviata la costruzione di una terza unità anfibia, il San Giusto, entrato in servizio nell'aprile del 1994. Nel 1995 iniziò la costruzione del terzo rifornitore di squadra, battezzato Etna ed entrato in servizio nel 1998, mentre tra il 1994 e il 1996 sono entrate in servizio quattro unità della classe Soldati.

Per quanto riguarda i sommergibili, la Marina procedette alla realizzazione di una 4ª serie della classe Nazario Sauro.

Gli anni duemila

In seguito all'intervento americano in Afghanistan, principale base dell'organizzazione terroristica al-Qaida, che ha portato all'abbattimento del regime dei talebani, l'Italia è presente in Afghanistan nell'ambito dell'ISAF, la forza internazionale per il mantenimento della pace con base a Kabul, con reparti dell'Esercito e per la Marina Militare del Battaglione San Marco. Nel corso del 2005 l'Italia si è trovata al comando di quattro missioni multinazionali: in Afghanistan, in Bosnia ed Erzegovina, in Kosovo e in Albania.

La Marina ha partecipato ampiamente alla lotta al terrorismo prendendo parte, oltre che con il battaglione San Marco, con le sue unità navali alle operazioni Active Endeavour nel Mediterraneo, Antica Babilonia nel Golfo Persico, Enduring Freedom nel Golfo Persico e nell'oceano Indiano e partecipando alla lotta alla pirateria ed in difesa dei traffici marittimi e della libertà di navigazione nella zona del corno d'Africa e del Golfo di Aden contro le incursioni dei pirati somali, fornendo anche i nuclei militari di protezione da imbarcare nelle navi civili italiane per garantirne la sicurezza[46]. Tutte le principali unità della Marina Militare hanno preso parte a queste missioni, svolte sotto l'egida della UE come l'operazione Atalanta[47] o come l'operazione Ocean Shield della NATO[48], e tuttora vengono dispiegate unità navali a questo scopo.

Nell'estate 2006 la Marina Militare è stata una delle prime marine militari ad intervenire nella crisi del Libano. Il cacciatorpediniere Luigi Durand de la Penne[49], in esercitazione in Grecia, è stata tra le prime unità neutrali ad entrare nel porto di Beirut per l'evacuazione dei connazionali ed altri europei verso l'isola di Cipro con due viaggi[50]. A settembre, sotto l'egida dell'ONU all'interno della missione UNIFIL 2, le navi Garibaldi, San Giusto, San Marco e San Giorgio, in pratica l'intera flotta tuttoponte, scortate dalla corvetta Fenice, hanno sbarcato sulla spiaggia di Tiro la forza d'ingresso, cioè le truppe anfibie della nuova "Forza di Proiezione dal Mare" (FPM) composte dal Battaglione San Marco e dai Lagunari dell'Esercito[51].

Nuove sono le navi della classe Orizzonte denominate Andrea Doria e Caio Duilio, varate a Riva Trigoso rispettivamente il 14 ottobre 2005 e 23 ottobre 2007. La prima unità è stata consegnata il 22 dicembre 2007[52] e dopo le prove in mare è pienamente operativa da giugno 2008, mentre la seconda unità è stata consegnata il 3 aprile 2009[53] diventando pienamente operativa nel 2010. Il Vittorio Veneto, non più operativo dal 2003 ed andato in disarmo nel 2006[54] I sottomarini Enrico Toti e Dandolo sono invece diventati due sommergibili-museo. Il 10 giugno 2009 è entrata in servizio la nuova portaerei Cavour, che si affianca alla portaeromobili Garibaldi.

Dal 25 marzo 2011 la Marina Militare ha fornito appoggio all'operazione Unified Protector della NATO per rendere effettivo l'embargo navale alla Libia di Gheddafi,[55] mentre dall'ottobre al dicembre 2013 l'Andrea Doria ha sancito il ritorno della Marina Militare nel dispositivo UNIFIL.[56]

Per quanto riguarda l'ammodernamento della flotta il progetto più importante è quello sviluppato in cooperazione con la Francia con il programma per le fregate multiruolo "FREMM"; nel 2012 è stata consegnata la prima fregata in versione "General Purpose", a cui ne seguiranno altre quattro in versione antisommergibile e cinque in versione "General Purpose"[57]. L'Aviazione navale dovrebbe acquisire in futuro i caccia F-35B in versione STOVL (Short Take Off and Vertical Landing)[58] mentre, per quel che concerne l'arma subacquea, due nuovi sommergibili della classe U-212 dovrebbero essere pronti per il 2015-2016.[59]

Al processo di ammodernamento si è comunque affiancata una revisione dello strumento militare per far fronte alla carenza di fondi dovuta alla crisi economica iniziata nel 2008: è previsto uno snellimento dello stato maggiore trasferendo tutti i compiti operativi al comando della Squadra Navale (CINCNAV), l'addestramento di tutto il personale verrà centralizzato in Ancona nel nuovo Comando scuole, mentre tutto ciò che concerne la logistica spetterà al Comando logistico di Napoli, già Ispettorato per il supporto logistico e dei fari, NAVISPELOG, a cui andrà anche la cura dei fari e del segnalamento marittimo; entro il 2018 inoltre la Marina Militare prevede di avere ventidue unità navali in meno[60].

Struttura ed organizzazione

Corpi della Marina Militare

Organizzazione territoriale periferica

Hanno giurisdizione sul litorale dello Stato, per i servizi della Marina militare, i seguenti Comandi Logistici che hanno preso il posto dei precedenti dipartimenti marittimi:

Organizzazione delle forze operative

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi CINCNAV.

Tutte le unità navali e le forze operative tranne le forze speciali dipendono dal Comando in Capo della Squadra Navale (CINCNAV), a sua volta sottoposto al Capo di stato maggiore della Marina.

La flotta

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi flotta della Marina Militare.
Nave scuola Amerigo Vespucci - Marina Militare
Nave scuola Amerigo Vespucci

Nel 2014 la flotta della Marina Militare si compone di:

Il resto della flotta comprende 11 navi scuola, 4 navi d'addestramento, 6 navi costiere da trasporto, 2 navi da trasporto acqua, 4 navi da trasporto gasolio, 3 navi per esperimenti e test di nuove attrezzature, 3 navi idrografiche, 1 nave oceanografica, 2 mezzi da sbarco, 7 cisterne portuali per acqua e combustibili, 4 mezzi per il trasporto personale, 2 mezzi per il trasporto e prove di armi subacquee, 1 mezzo per il mototrasporto, 19 bacini galleggianti, 51 rimorchiatori, 1 nave per il salvataggio, 13 motocisterne e 5 navi per il trasporto fari.

Aviazione navale

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Storia della aviazione navale italiana e COMFORAER.

L'aviazione navale italiana nasce ufficialmente il 1º agosto 1956 con la costituzione del 1º Gruppo elicotteri dotato di AB-47G, affiancati nel tempo dagli AB-47J-3[69]. La nave Luigi Rizzo della classe Carlo Bergamini servì da test operativi e divenne così la prima nave al mondo a poter imbarcare e ricoverare un elicottero. Nel marzo 1959 arrivarono dei SH-34 tramite il Mutual Defense Assistance Program (MDAP) stipulato con gli Stati Uniti.[70]

Lo stesso programma fece arrivare in Italia ventiquattro bombardieri Curtiss S2C-5 Helldiver equipaggiati con apparecchiature per la lotta antisommergibile; gli Stati Uniti si offrirono di addestrare i piloti della Marina, ma l'Aeronautica Militare sulla base della legge del 1937 ancora vigente si oppose. I primi Helldiver italiani tuttavia vennero lanciati dalla portaerei Midway[71]; questi velivoli giunti in Italia nel settembre del 1950 vennero presi in carico dall'Aeronautica Militare ed inquadrati nell'86º Gruppo Antisom presso l'aeroporto di Grottaglie[72]. Da allora i piloti della Marina Militare hanno utilizzato vari mezzi ad ala rotante dapprima, per una legge del periodo fascista che impediva alla Marina di possedere aerei, e poi ad ala fissa con l'acquisizione degli AV-8 B Harrier Plus in forza al GRUPAER (Gruppo Aerei imbarcati) di MARISTAER-Grottaglie e imbarcati inizialmente sulla portaerei Garibaldi e in seguito anche sulla Cavour[73]. Altri aeromobili in uso, basati oltre che a Grottaglie anche a Luni e a Catania, sono il Piaggio P180 Avanti, il Breguet Br 1150 Atlantic, l'Agusta-Bell AB 212 ASW, il Sikorsky SH-3D Sea King e l'AgustaWestland AW101[74]. La gestione delle basi aeree e dei gruppi di volo dipendenti, l'addestramento degli equipaggi e del personale specialistico e il supporto tecnico-logistico sono di competenza del COMFORAER di Roma-Santa Rosa.

Forza da sbarco

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Brigata San Marco.

Il Reggimento "San Marco" con il Reggimento "Carlotto" e il Gruppo mezzi da sbarco, hanno costituito fino al 1º marzo 2013 la forza da sbarco della Marina, che, insieme al Reggimento lagunari "Serenissima" in forza all'Esercito Italiano, formano la componente anfibia delle forze armate italiane. Da quella data è stata costituita la Brigata Marina San Marco, basata su tre reggimenti di fanteria di marina e dal Gruppo mezzi da sbarco[75], integrata nella Forza di proiezione dal mare.

Le origini risalgono al Reggimento Real Navi del Regno di Sardegna. Una brigata di fanteria di marina venne schierata durante la prima guerra mondiale nei ranghi della 3ª Armata del duca d'Aosta e varie batterie costiere appoggiarono la fanteria dell'esercito; la brigata non era costituita come reparto ufficiale, tanto che la fanteria di marina verrà riformata solo a guerra finita, ma compagnie di "marinai fucilieri" (che era il nome della specializzazione dopo la riforma attuata da Benedetto Brin) combatterono a Grado e a Cortellazzo[76]. Quest'ultimo è appunto il nome del battaglione logistico dell'attuale reggimento "Carlotto", intitolato ad Ermanno Carlotto caduto durante la rivolta dei Boxer, che svolge funzioni di scuola e logistica, ed è abbinato al "Reggimento San Marco" nella "Forza da Sbarco della Marina Militare". Nel corso dei decenni gli uomini del San Marco sono stati di volta in volta organizzati come battaglione, reggimento o brigata.

La "Brigata Marina San Marco" è forte di tre reggimenti: uno destinato ad operare in contesti operativi anfibi e terrestri, un altro specializzato nell'abbordaggio delle navi e del controllo del traffico mercantile, e un terzo con compiti di formazione, di difesa delle installazioni e di rappresentanza.[77]

Forze speciali

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Comando subacquei ed incursori.

Per quello che riguarda le forze speciali, la Marina si avvale del Raggruppamento Subacquei ed Incursori "Teseo Tesei" diviso in Gruppo Operativo Incursori (GOI) e Gruppo Operativo Subacquei (GOS). Le loro origini risalgono alla Xª Flottiglia MAS della seconda guerra mondiale che venne riorganizzata a partire dal 1952 con vari nomi, fino ad adottare quello attuale di "COMSUBIN" assunto nel 1961 e da cui dipendono i due gruppi operativi[78].

Arsenali e musei

La Marina Militare possiede tre arsenali per il ricovero e la manutenzione della flotta[79]:

È invece dismessa la funzione di arsenale militare per l'Arsenale di Venezia, mentre la gestione dell'Arsenale di Messina è passata all'Agenzia industrie difesa.

La Marina possiede due musei navali, oltre ad altre due strutture museali:

Gradi e qualifiche

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi gradi e qualifiche della Marina Militare.

Come per le altre forze armate il personale è diviso in ufficiali, sottufficiali, graduati e truppa. Sulla divisa invernale ordinaria, sulla grande uniforme invernale, sulla uniforme di sera invernale e sul cappotto, sia maschili che femminili, gli ufficiali indossano il distintivo di grado sul paramano, i sottufficiali marescialli sulla controspallina, mentre gli altri gradi indossano il distintivo sulla manica tra gomito e spalla. Sull'uniforme di servizio estiva bianca e sull'uniforme da lavoro di mezza stagione il distintivo di grado è indossato sulla controspallina. Sottufficiali e truppa mostrano, assieme al distintivo di grado, anche un distintivo di categoria.

Categorie e specialità

Categorie storiche

Badge of aide category of the Italian Navy.svg
Aiutanti
Badge of drivers category of the Italian Navy.svg
Autisti meccanici
Badge of cannoneers category of the Italian Navy.svg
Cannonieri
Badge of artificers category of the Italian Navy.svg
Cannonieri artificieri
Badge of pointer cannoneers category of the Italian Navy.svg
Cannonieri puntatori
Badge of cannoneers mechanicals armorers category of the Italian Navy.svg
Cannonieri meccanici armaioli
Badge of pointer cannoneers mechanical category of the Italian Navy.svg
Cannonieri meccanici armaioli puntatori cannoni
Badge of pointer gunners category of the Italian Navy.svg
Cannonieri meccanici armaioli puntatori mitragliere

Cannonieri telemetristi e stereotelemetristi
Badge of carpenters category of the Italian Navy.svg
Carpentieri
Badge of gyrocompass operators category of the Italian Navy.svg
Conduttori girobussole
Badge of diplomates category of the Italian Navy.svg
Diplomati
Badge of sonar operators category of the Italian Navy.svg
Ecogoniometristi
Badge of electro-mechanics category of the Italian Navy.svg
Elettricisti
Badge of electromechanics category of the Italian Navy.svg
Elettromeccanici
Badge of naval photographers category of the Italian Navy.svg
Fotografi navali
Badge of riflemen category of the Italian Navy.svg
Fucilieri
Badge of stokers category of the Italian Navy.svg
Fuochisti
Badge of accountant quartermasters category of the Italian Navy.svg
Furieri contabili
Badge of secretary quartermasters category of the Italian Navy.svg
Furieri segretari
Badge of subsistence quartermasters category of the Italian Navy.svg
Furieri sussistenza
Badge of raiders category of the Italian Navy.svg
Incursori
Badge of healthcare professionals category of the Italian Navy.svg
Infermieri

Istruttori di educazione fisica
Badge of graduates category of the Italian Navy.svg
Laureati
Badge of sailors category of the Italian Navy.svg
Marinai di leva
Badge of mechanics category of the Italian Navy.svg
Meccanici
Badge of artillery mechanics category of the Italian Navy.svg
Meccanici d'artiglieria
Badge of underwater arms mechanics category of the Italian Navy.svg
Meccanici di armi subacquee
Badge of artillery mechanics category of the Italian Navy.svg
Meccanici di artiglieria
Badge of torpedo mechanics category of the Italian Navy.svg
Meccanici di siluri
Siluristi
Badge of motorcyclists category of the Italian Navy.svg
Motociclisti
Badge of technics and mechanics category of the Italian Navy.svg
Motoristi navali
Badge of musicians category of the Italian Navy.svg
Musicanti
Badge of port coxswains category of the Italian Navy.svg
Nocchieri (1930)
Badge of coxswains category of the Italian Navy.svg
Nocchieri (1958)
Nocchieri di porto (1958)
Badge of port coxswains category with star of the Italian Navy.svg
Nocchieri di porto
Badge of divers category of the Italian Navy.svg
Palombari

Portuali
Badge of tracking radar operators category of the Italian Navy.svg
Operatori radar di tiro
Badge of combat systems specialists category of the Italian Navy.svg
Radaristi
Badge of radiotelegraphists category of the Italian Navy.svg
Radiotelegrafisti
Badge of signalers category of the Italian Navy.svg
Segnalatori
Badge of firefight service category of the Italian Navy.svg
Servizio antincendi
Badge of scuba divers category of the Italian Navy.svg
Sommozzatori
Badge of stereotelemetrists category of the Italian Navy.svg
Stereotelemetristi
Badge of electronics technicians category of the Italian Navy.svg
Tecnici elettronici
Badge of telegraphists category of the Italian Navy.svg
Telegrafonisti
Badge of telepointers category of the Italian Navy.svg
Telepuntatori
Badge of qualification category of the Italian Navy.svg
Titolo di studio

Torpedinieri
Badge of buglers category of the Italian Navy.svg
Trombettieri

Categorie attuali

Elenco delle categorie, delle specialità e delle abilitazioni:[81]

Specialisti del sistema di combattimento (SSC)
Badge of combat systems specialists category of the Italian Navy.svg
  • Telecomunicatori (SSC/TLC)
    • Compensatori bussole magnetiche (SSC/TLC/CBM)
    • Guerra elettronica (SSC/TLC/GE)
    • Operatori di volo (SSC/TLC/OV)
    • Servizio idro-oceanografico (SSC/TLC/IDR)
  • Segnalatori (SSC/S)
  • Ecogoniometristi (SSC/ECG)
    • Operatori di volo (SSC/ECG/OV)
    • Servizio idro-oceanografico (SSC/ECG/IDR)
  • Radiotelegrafisti (SSC/RT)
  • Radaristi (SSC/RD)
    • Operatori di volo (SSC/TD/OV)
  • Ricercatori elettronici (SSC/REL)
    • Informazioni (SSC/REL/I)
Tecnici del Sistema di Combattimento (TSC)
Badge of artificers category of the Italian Navy.svg
  • Meccanici di siluri e armi (TSC/MSA)
    • Tecnici di aeromobili (TSC/TAER)
    • Servizio mine e dragaggio (TSC/MD)
  • Meccanici di artiglieria (TSC/MA)
    • Tecnici di aeromobili (TSC/MA/TAER)
    • Montatori (TSC/MA/MO)
  • Meccanici di siluri (TSC/SI)
    • Montatori (TSC/SI/MO)
    • Antisom (TSC/SI/SA)
    • Servizio mine e dragaggio (TSC/SI/MD)
  • Montatori (TSC/MO)
  • Artificieri (TSC/CAF)
  • Meccanici di armi subacquee (TSC/MAS)
Badge of electro-mechanics category of the Italian Navy.svg
  • Tecnici elettronici (TSC/ETE)
    • Conduttori girobussole (TSC/ETE/CB)
    • Montatori girobussole (TSC/ETE/MG)
    • Specialisti di sistemi per la ricerca elettronica (TSC/ETE/REL)
    • Specialisti di sistemi sonar (TSC/ETE/SNR)
    • Specialisti di sistemi radar (TSC/ETE/RDR)
    • Specialisti di sistemi di tiro (TSC/ETE/DT)
    • Specialisti di sistemi di telecomunicazione (TSC/ETE/TLC)
    • Tecnici di aeromobili (TSC/ETE/TAER)
    • Sistema elaborazione automatica dati (TSC/ETE/ADP)
  • Elettromeccanici (TSC/EM)
Badge of analysis services category of the Italian Navy.svg
  • Operatori elaborazione automatica dati (TSC/EAD)
    • Programmatori (TSC/EAD/PR)
    • Analisti (TSC/EAD/ANL)
Specialisti del sistema di piattaforma (SSP)
Badge of technics and mechanics category of the Italian Navy.svg
  • Tecnici di macchine (SSP/TM)
    • Servizio antincendio (SSP/TM/SA)
    • Specialisti di aeromobili (SSP/TM/SAER)
    • Elettronici (SSP/TM/ELT)
  • Conduttori automezzi (SSP/CNA)
  • Meccanici (SSP/MC)
  • Motoristi navali (SSP/MN)
Badge of electro-mechanics category of the Italian Navy.svg
  • Elettricisti (SSP/E)
    • Conduttori girobussole (SSP/E/CB)
Supporto e servizio amministrativo logistico (SSAL)
Badge of analysis services category of the Italian Navy.svg
  • Furieri segretari (SSAL/FR)
  • Furieri contabili (SSAL/FRC)
  • Furieri logistici (SSAL/FRL)
    • Gestione scorte (SSAL/FRL/GS)
  • Maestri di cucina e mensa (SSAL/MCM)
    • Specialisti di sala (SSAL/MCM/SSL)
    • Specialisti di cucina (SSAL/MCM/CU)
Badge of musicians category of the Italian Navy.svg
  • Musicanti (SSAL/MU)
Badge of sailors category of the Italian Navy.svg
  • Marinai (SSAL/M)
    • Servizi vari (SSAL/M/SV)
    • Barbieri (SSAL/M/BR)
Incursori (IN)
Badge of raiders category of the Italian Navy.svg
  • senza specialità
    • Costiero (IN/C)
    • Comando, supporto e logistica (IN/CSL)
Fucilieri di Marina (FCM)
Badge of riflemen category of the Italian Navy.svg
  • senza specialità
    • Ricognizione (FCM/RECON)
    • Osservatori fuoco di supporto (FCM/OFS)
    • Armi e fuoco di supporto (FCM/AFS)
    • Missilisti (FCM/MSL)
    • Pionieri (FCM/PNR)
    • Sommozzatori demolitori ostacoli (FCM/SDO)
    • Conduttori mezzi tattici (FCM/CMT)
    • Comando, supporto e logistica (FCM/CSL)
Palombari (PA)
Badge of divers category of the Italian Navy.svg
  • senza specialità
    • Immersioni profonde (PA/IP)
    • Apparecchiature presso resistenti (PA/AP)
    • Sommozzatori disattivatori mine (PA/EODN)
    • Tecnico iperbarico (PA/TI)
    • Comando, supporto e logistica (PA/CSL)
Servizio Sanitario (SS)
Badge of healthcare professionals category of the Italian Navy.svg
  • Infermieri (SS/I)
    • Tecnico di chirurgia e sala operatoria (SS/I/CH)
    • Tecnico di centro trasfusionale (SS/I/CT)
    • Tecnico di laboratorio di analisi (SS/I/LA)
    • Tecnico iperbarico (SS/I/TI)
    • Tecnico di anestesia e rianimazione (SS/I/ANT)
    • Tecnico di decontaminazione NBC (SS/I/DD)
    • Tecnico farmacia (SS/I/FM)
    • Medicina legale (SS/I/ML)
    • Capo sala (SS/I/CS)
  • Tecnico sanitario di laboratorio biomedico (SS/TLB)
    • Tecnico di decontaminazione NBC (SS/TLB/DD)
    • Tecnico di centro trasfusionale (SS/TLB/CT)
    • Tecnico farmacia (SS/TLB/FM)
  • Tecnico sanitario di radiologia medica (SS/TRM)
    • Tecnico di decontaminazione BNC (SS/TRM/DD)
  • Fisioterapista (SS/FKT)
  • Tecnico di neurofisiopatologia (SS/NFP)
  • Ortottista - Assistente di oftalmologia (SS/OFT)
  • Audiometrista (SS/AMT)
  • Odontotecnico (SS/ODT)
  • Infermieri non laureati (SS/INL)
  • Servizio ausiliario (SS/SA)
    • Operatore tecnico sanitario (SS/SA/OTS)
    • Operatore logistico ospedaliero (SS/SA/OLO)
Nocchieri (N)
Badge of coxswains category of the Italian Navy.svg
  • senza specialità
    • Compensatori bussole magnetiche (N/CBM)
Nocchieri di Porto (NP)
Badge of port coxswains category of the Italian Navy.svg
  • senza specialità
    • Operatori di volo (NP/OV)
    • Tecnici di aeromobili (NP/TAER)
    • Condotta battelli pneumatici (NP/PN)
    • Vessel traffic service (NP/VTS)
  • Motoristi (NP/MS)
    • Servizio antincendio (NP/MS/SA)
    • Specialisti aeronautici (NP/MS/EAR)
  • Radaristi (NP/RD)
  • Radiotelefonisti (NP/RF)
  • Elaboratori dati (NP/OE)
  • Operatori (NP/OP)
    • Vessel traffic service (NP/OP/VTS)
  • Elettricisti (NP/E)
  • Tecnici elettronici (NP/ETE)
    • Tecnici di aeromobili (NP/ETE/TAER)
  • Montatori (NP/MO)
    • Tecnici di aeromobili (NP/MO/TAER)
  • Tecnici (NP/TC)
    • Tecnici di aeromobili (NP/TC/TAER)
    • Vessel traffic service (NP/TC/VTS)
  • Elettromeccanici (NP/EM)
  • Furieri segretari (NP/FR)
  • Furieri contabili (NP/FRC)
  • Maestri di mensa e cucina (NP/MCM)
  • Conduttori automezzi (NP/CNA)
  • Servizio difesa installazioni (NP/SDI)
  • Meccanici d'armi (NP/MA)
Abilitazioni comuni a più categorie o specialità
  • Anfibi (ANF)
  • Paracadutisti (PAR)
  • Sommozzatori (SMZ)
  • Inquadratori (INQ)
  • Servizio NBC (NBC)
  • Operatori del servizio sicurezza abilitati al lavoro in carena (OSSALC)
  • Montatori specialisti di elicottero (ELM)
  • Fotografi navali (FN)
  • Idrografi (IDR)
  • Interpreti fotografia aerea (IFA)
  • Gestione materiale (GM)
  • Istruttore marinaresco educatore fisico (ISMEF)
  • Servizio d'ordine (SO)
  • Servizio difesa installazioni (SDI)
  • Assistenti tecnici del genio (ATG)
  • Conduttori automezzi (CNA)
  • Servizio rappresentanza (SR)
  • Sommergibilisti (SMG)
  • Neutralizzatore materiale esplosivo (EOD)

Enti di formazione e reclutamento

La Marina Militare si avvale, nella formazione del personale, dei seguenti enti[82], che sono alle dipendenze dell'Ispettorato Scuole della Marina Militare:

La formazione del personale per quel che riguarda l'informatica e le telecomunicazioni è fornita presso il centro interforze "Scuola Telecomunicazioni delle forze armate" (STELMILIT) a Chiavari. Oltre a ciò vi è il centro di selezione di Ancona[83] e il Centro sportivo remiero di Sabaudia (MARIREMO, il cui scopo è allenare gli atleti della Marina nelle discipline sportive del pentathlon navale, del canottaggio, della canoa e del kayak)[84] da cui dipendono le navi scuola Corsaro II, Stella Polare, Orsa Maggiore, Capricia e Caroly. Il personale volontario in ferma prefissata di un anno viene addestrato presso il Centro Selezione Addestramento e Formazione del Personale Volontario della Marina Militare (MARICENTRO) di Taranto.[85]

I fari

La Marina Militare gestisce anche i fari disposti lungo le coste italiane, inclusa quindi anche la Lanterna di Genova. Il "Servizio dei Fari e del Segnalamento Marittimo", secondo la sua denominazione completa, opera al servizio dei naviganti civili e militari, in dipendenza dalla Marina Militare dal 1910, anno in cui la competenza passò all'allora Regia Marina dal Ministero dei Trasporti[86]. Il servizio è gestito con personale civile e militare, ed è diviso in cinque zone, La Spezia, Venezia, Taranto (con sezione distaccata a Napoli), La Maddalena e Messina, più un ufficio tecnico dei fari a La Spezia e un ispettorato per il supporto logistico e dei fari a Roma, da cui dipendono tutti i comandi di zona (a loro volta dipendenti anche dai vari comandi e dipartimenti militari marittimi) e il già citato ufficio tecnico[86]. Il Servizio dispone di 157 fari e 667 fanali (comprese mede e boe)[86]. Una nave di rilevanza storica fu la Rampino, che servì sotto tre marine militari e venne dismessa nel 1976.

Missioni internazionali

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi forze armate italiane#Operazioni internazionali.

Oltre alla partecipazione di unità navali ed aliquote della forza da sbarco a missioni a termine, esistono alcune missioni permanenti in ambiente NATO, UE o bilaterale. Tra queste,

  • occasionalmente la Standing NATO Response Force Mine Countermeasures Group 1 navigante in oceano Atlantico e formata da sei a dieci unità secondo le disponibilità ed i compiti[87];
  • permanentemente la Standing NATO Maritime Group 2 (ex STANAVFORMED, STAnding NAVal FORce MEDiterranean[88]), una formazione navale permanente della NATO con sede nel Mediterraneo formata da una unità per ogni paese NATO nel Mediterraneo più navi di altri paesi dell'alleanza. Il comando viene esercitato a turno da un ammiraglio di un paese partecipante;
  • permanentemente la Standing NATO Response Force Mine Countermeasures Group 2 (SNMCMG2)[89]), una formazione navale permanente della NATO con sede nel Mediterraneo formata da unità cacciamine e di appoggio di vari paesi NATO operanti nel Mediterraneo. Il comando viene esercitato a turno da un comandante di un paese partecipante e la forza opera prevalentemente ma non esclusivamente nel Mediterraneo, anche in paesi al di fuori della NATO.

Le due formazioni SNMCMG partecipano all'operazione Ocean Shield (NATO, ma su mandato ONU), che mette in campo tre combined task force, CTF 150, CTF 151 e CTF 152, per operazioni di contrasto alla pirateria nel Mar Rosso e nel Mare Arabico[90]).

  • permanentemente la Multinational Force and Observers (MFO), formata esclusivamente da parte italiana per la componente navale fin dalla sua costituzione, avvenuta il 25 aprile 1982, da una flottiglia di pattugliatori costieri. Attualmente il Decimo Gruppo Navale Costiero (Comgrupnavcost 10) con sede a Sharm el-Sheikh conta su tre pattugliatori della classe Esploratore[91]);
  • permanentemente la Forza anfibia italo-spagnola (SIAF), componente navale, e la Forza italo-spagnola da sbarco (SILF), componente da sbarco su base reggimento, attivate nel novembre 1998 dopo la firma di un accordo nel 1996[92].

Tradizioni

Lo stemma e le bandiere della Marina italiana

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Stemma della Marina Militare.
Bandiere navali della Marina Militare
Naval Ensign of Italy.svg Bandiera nazionale delle navi da guerra
Civil Ensign of Italy.svg Bandiera nazionale delle navi mercantili e civili
Naval Jack of Italy.svg Naval Jack of Italy (verso).svg Bandiera di bompresso (fronte e retro)
Masthead pennant of Italy.svg Fiamma
Presidential flag of Italy.svg Stendardo presidenziale
Flag of prime minister of Italy.svg Bandiera distintivo del presidente del Consiglio dei ministri
Flag of the Italian Defence minister.svg Bandiera distintivo del ministro della Difesa
Flag of the chief of staff of armed force.svg Bandiera distintivo del sottosegretario della Difesa
Flag of ambassador of the Kingdom of Italy.svg Bandiera distintivo di ambasciatore
Flag of envoy of the Kingdom of Italy.svg Bandiera distintivo di inviato
Flag of the chief of staff of defence of Italy.svg Insegna del capo di stato maggiore della difesa[93]
Flag of the chief of staff of armed force.svg Insegna del capo di stato maggiore dell'Esercito o dell'capo di stato maggiore dell'Aeronautica Militare[93]
Flag of the chief of staff of the Marina Militare.svg Insegna del capo di stato maggiore della Marina[93]
Flag of the commanding general of the Carabinieri.svg Insegna del comandante generale dell'Arma dei carabinieri[93]
Flag of the commander in chief of the naval forces of Italy.svg Insegna del comandante in capo delle forze navali in combattimento
Flag of great admiral of the Regia Marina.svg Insegna dell'ammiraglio della flotta[93]
Flag of four star general of Italy.svg Insegna di generale di corpo d'armata o di squadra aerea con incarichi speciali[93]
Flag of general of army corps of Italy (underlined).svg Insegna di generale di corpo d'armata o di squadra aerea con incarichi superiori[93]
Flag of squadron admiral of the Marina Militare.svg Insegna di ammiraglio di squadra
Flag of general of army corps of Italy.svg Insegna di generale di corpo d'armata o di squadra aerea
Flag for the military ordinary of Italy.svg Bandiera distintiva per l'ordinario militare d'Italia
Flag for the general military vicar for Italy.svg Bandiera distintiva per il vicario militare generale per l'Italia
Flag of division admiral of the Regia Marina.svg Insegna di ammiraglio di divisione; è issata all'albero di maestra.
Flag of divisional general of the Italy.svg Bandiera di generale di divisione
Flag of rear admiral of the Marina Militare.svg Insegna di contrammiraglio; è issata all'albero di trinchetto.
Flag of general of brigade of Italy.svg Bandiera di generale di brigata; è issata all'albero di maestra.
Flag of captain division commander of the Regia Marina.svg Insegna di capitano di vascello comandante di divisione; è issata all'albero di maestra.
Burgee of officier in command of the Regia Marina.svg Guidone distintivo di comandante superiore; venne istituito con il foglio d'ordine dell'11 settembre 1913 ed issato all'albero di trinchetto per indicare, nel caso di più squadriglie riunite, l'unità comandata dall'ufficiale più anziano.[94]
Burgee of senior commander of lower rank than captain of vessel.svg Guidone per comandante superiore ma di grado inferiore a capitano di vascello
Burgee of commander of a flottilla of the Regia Marina.svg Guidone distintivo del comandante di flottiglia di unità minori
Burgee of commander of a squadron of destroyers of the Regia Marina.svg Guidone distintivo del comandante di squadriglia di cacciatorpediniere
Burgee of commander of a squadron of torpedo boats of the Regia Marina.svg Guidone distintivo del comandante di squadriglia di torpediniere
Burgee of commander of a squadron of submarines of the Regia Marina.svg Guidone distintivo del comandante di squadriglia di sommergibili
Burgee of commander of a squadron of MAS of the Regia Marina.svg Guidone distintivo del comandante di squadriglia di MAS
Burgee of mail ships of Italy.svg Guidone per le navi postali[95]
Burgee of the fleet of the Guardia di Finanza.svg Guidone del naviglio della Guardia di finanza[96]
Burgee of the fleet of the Arma dei Carabinieri.svg Guidone del naviglio dell'Arma dei Carabinieri[96]
L'incrociatore Giuseppe Garibaldi a Napoli nell'estate 1947, con la bandiera precedente all'adozione della nuova insegna navale - Marina Militare
L'incrociatore Giuseppe Garibaldi a Napoli nell'estate 1947, con la bandiera precedente all'adozione della nuova insegna navale

Lo stemma della Marina Militare venne ideato nel 1939 dall'ammiraglio, nonché sottosegretario di Stato per la Marina, Domenico Cavagnari, ed è composto da uno scudo diviso in quattro quarti, ognuno dei quali occupato dal blasone di un'importante repubblica marinara (Amalfi, Genova, Pisa e Venezia): nel primo quarto, su sfondo rosso, il leone alato simbolo di San Marco, nel secondo quarto la croce rossa su fondo bianco di Genova, nel terzo quarto la croce bianca su fondo blu di Amalfi e, nell'ultimo quarto, la croce bianca su fondo rosso simbolo di Pisa, il tutto sormontato da una corona turrita e "rostrata" che deriva dall'emblema che il Senato romano conferiva ai comandanti vincitori di battaglie navali[97].

Bandiera della Marina Militare - Marina Militare
Bandiera della Marina Militare

Lo stemma ricordava così le antiche tradizioni marinare italiane; Cavagnari scelse quattro repubbliche marinare in modo da rappresentare il nord, il centro e il sud del paese. Lo stemma, approvato nell'aprile del 1941 con regio decreto, comprendeva anche lo scudo sabaudo e due fasci littori. In seguito alla proclamazione della Repubblica la bandiera della Marina Militare, privata dello stemma sabaudo, coincideva con la bandiera nazionale che pertanto venne usata come insegna navale fino al 9 novembre 1947, quando con decreto legislativo n. 1305 venne adottata la nuova insegna navale[98]. Il 29 novembre 1947 il capo provvisorio dello Stato Enrico De Nicola approvò le modifiche allo stemma, portandolo ad una forma rimasta immutata fino al dicembre 2012 quando, in seguito ad uno studio, è stato adottato uno stemma con i tratti d'origine più fedeli ai simboli delle quattro repubbliche marinare.[99]

Lo stemma viene utilizzato nella bandiera della Marina Militare che, secondo il decreto legislativo n. 275 del 29 novembre 1947, "è costituita dal Tricolore italiano, caricato, al centro della banda bianca, dall'emblema araldico della Marina Militare, rappresentante in quattro parti gli stemmi delle Repubbliche marinare (Venezia, Pisa, Genova, Amalfi), e sormontata da una corona turrita e rostrata"[97].

Sulla prua delle navi è collocato lo stellone d'Italia. La Marina mercantile italiana e tutto il naviglio civile utilizzano una bandiera molto simile nel cui stemma, che non è sormontato dalla corona, il leone di san Marco regge un libro aperto recante la frase latina «PAX TIBI MARCE EVANGELISTA MEVS» (Pace a te, Marco, mio evangelista) e non una spada. Questa differenza rispecchia quella presente tra gli emblemi utilizzati dalla Repubblica di Venezia per il tempo di guerra e per il tempo di pace, riscontrabile tra l'altro anche nei blasoni concessi alle città governate dalla Serenissima, nel caso queste fossero state annesse con o senza confronti armati, rispettivamente. La bandiera navale di Stato (inalberata dal naviglio appartenente ad amministrazioni civili dello Stato) è stata uguale a quella della Marina mercantile fino al 2003 e da allora è invece caricata, al centro della banda bianca, dell'emblema dello Stato.

La Bandiera d'arma

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi decorazioni alla Bandiera della Marina Militare.
Bandiere di guerra delle forze armate italiane e della Guardia di Finanza in sfilata per la festa della Repubblica. La bandiera della Marina Militare è la seconda da destra - Marina Militare
Bandiere di guerra delle forze armate italiane e della Guardia di Finanza in sfilata per la festa della Repubblica. La bandiera della Marina Militare è la seconda da destra

La Bandiera d'arma della Marina venne concessa alle forze da sbarco della Regia Marina, con regio decreto n° 708 del 12 maggio 1939. Al termine della seconda guerra mondiale, la bandiera cambiò denominazione in "Bandiera d'Arma della Marina Militare". Attualmente è in consegna allo Stato Maggiore della Marina ed è custodita presso l'installazione Santa Rosa di Roma, sede del Comando in Capo della Squadra Navale (CINCNAV)[100].

La Bandiera ha ricevuto diverse decorazioni. Tra di esse spiccano le due medaglie d'oro al valor Militare conferite al Corpo da Sbarco della Regia Marina per l'occupazione della Tripolitania e Cirenaica nel 1911 e alla Regia Marina per il contributo dato durante la seconda guerra mondiale[100].

La decorazione più recente è la croce di cavaliere dell'Ordine militare d'Italia conferita nel 1997 per il contrasto alla criminalità e il supporto alla normalizzazione dell'Albania.

L'elenco completo[100] è:

Cavaliere BAR.svg 1 croce di cavaliere dell'Ordine militare di Savoia;
Cavaliere BAR.svg 3 croci di cavaliere dell'Ordine militare d'Italia;
Valor militare gold medal BAR.svg 2 medaglie d'oro al valor militare;
Valor militare silver medal BAR.svg 1 medaglia d'argento al valor militare;
Benemeriti della salute pubblica gold medal BAR.svg 1 medaglia d'oro per i benemeriti della salute pubblica.

Festa della Marina Militare

La corazzata della k.u.k. Kriegsmarine SMS Szent István (&quotSanto Stefano") affonda al termine dell'impresa di Premuda del 10 giugno 1918. Per celebrare l'evento la &quotFesta della Marina Militare" si tiene il 10 giugno di ogni anno - Marina Militare
La corazzata della k.u.k. Kriegsmarine SMS Szent István ("Santo Stefano") affonda al termine dell'impresa di Premuda del 10 giugno 1918. Per celebrare l'evento la "Festa della Marina Militare" si tiene il 10 giugno di ogni anno

La "Festa della Marina Militare" è stata formalmente istituita il 13 marzo 1939: il giorno in cui celebrare tale ricorrenza, il 10 giugno, fu scelto in ricordo dell'impresa di Premuda, nella quale il comandante Luigi Rizzo con due MAS affondò la corazzata austriaca Szent István[101].

Prima di tale data (ed anche fra il 1950 e il 1963 compresi) la festa della Marina era celebrata il 4 dicembre, nel giorno dedicato alla patrona della Marina Militare, Barbara di Nicomedia. Fu l'allora capo di stato maggiore della Marina Ernesto Giuriati a convincere il ministro della Difesa Giulio Andreotti a riportare la giornata celebrativa alla più significativa data del 10 giugno. Dal 1945 al 1949 la festa non è stata commemorata[101].

La preghiera del marinaio

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Preghiera del marinaio.

Nella tradizione della Marina Militare la preghiera del marinaio è il testo che viene letto a bordo delle navi in navigazione, sia nel corso della cerimonia dell'ammaina bandiera che al termine delle messe; la preghiera è letta dall'ufficiale più giovane a bordo; a terra il testo viene letto al termine delle funzioni religiose celebrate in suffragio dei marinai deceduti.

Il testo della preghiera fu composto dallo scrittore Antonio Fogazzaro nel 1901 dietro sollecitazione del vescovo di Cremona Geremia Bonomelli[102] e venne recitato per la prima volta nel marzo dello stesso anno sulla nave Giuseppe Garibaldi, in quel momento ai comandi del capitano di vascello Cesari Agnelli; la lettura della preghiera fu resa obbligatoria a partire dal 1909 in seguito al rapido diffondersi della tradizione[103].

Banda della Marina Militare

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Banda Musicale della Marina Militare.

Il Corpo Musicale della Marina Militare è stato costituito nel 1870 a La Spezia ed è uno dei più antichi complessi bandistici militari italiani. A partire dal 1965 è stato trasferito a Taranto e infine a Roma dove si trova tuttora.

I suoi 102 musicisti, con al vertice un capitano di fregata, svolgono i loro compiti sia nel territorio nazionale che all'estero[104].

Notiziario della Marina

Il "Notiziario della Marina" è un mensile della Marina Militare fondato nel 1954[105]. Organo informativo interno ("giornale aziendale") alla forza armata, ha lo scopo di informare il personale dipendente e le rispettive famiglie sulle attività della Marina Militare. I suoi numeri riportano uno spaccato della storia della Marina e sono oggetto anche di discussioni sui forum di appassionati[106].

Note

  1. ^ Marina Militare italiana , pp. 15-17
  2. ^ Nota aggiuntiva Bilancio 2013 in Ministero della Difesa. URL consultato il 28 dicembre 2013.
  3. ^ Rapporto 2012 in Notiziario della Marina, Marina Militare, novembre-dicembre 2012, pp. 68-77. URL consultato il 27 gennaio 2013.
  4. ^ Nascita della Regia Marina in marina.difesa.it. URL consultato il 24 febbraio 2011.
  5. ^ Da Lissa alla Prima Guerra Mondiale in marina.difesa.it. URL consultato il 24 febbraio 2011.
  6. ^ Nella Grande Guerra in marina.difesa.it. URL consultato il 24 febbraio 2011.
  7. ^ Tra le Due Guerre in marina.difesa.it. URL consultato il 24 febbraio 2011.
  8. ^ La Seconda Guerra Mondiale in marina.difesa.it. URL consultato il 24 febbraio 2011.
  9. ^ Dal Dopoguerra agli anni '60 in marina.difesa.it. URL consultato il 24 febbraio 2011.
  10. ^ La Regia Marina alla fine del conflitto in marina.difesa.it. URL consultato il 24 febbraio 2011.
  11. ^ Il Trattato di Pace e le sue conseguenze in marina.difesa.it. URL consultato il 24 febbraio 2011.
  12. ^ articoli 47 e 48 del Trattato
  13. ^ articolo 51 del Trattato
  14. ^ articoli 56, 58, 59 e 60, Allegato XII A del Trattato
  15. ^ articolo 56 del Trattato
  16. ^ articoli 56, 58, 59 e 60, Allegato XII A del Trattato
  17. ^ L'articolo 67 del Trattato comma 1 rcita "Tutto il materiale bellico italiano, in eccedenza a quello consentito per le Forze armate di cui alle Sezioni III, IV e V, dovrà essere messo a disposizione dei Governi dell'Unione Sovietica, del Regno Unito, degli Stati Uniti d'America e della Francia, in conformità alle istruzioni ch'essi potranno dare all'Italia." L'articolo 74 definisce quali siano le riparazioni verso gli stati vincitori
  18. ^ Erminio Bagnasco, La Marina Italiana. Quarant'anni in 250 immagini (1946-1987) in supplemento "Rivista Marittima", 1988, ISSN 0035-6984.
  19. ^ L'adesione dell'Italia alla NATO in marina.difesa.it. URL consultato il 24 febbraio 2011.
  20. ^ La geostrategia e gli ambienti marini: la Marina Militare italiana in openstarts.units.it. URL consultato il 24 febbraio 2011.
  21. ^ La Marina negli Anni '50 in marina.difesa.it. URL consultato il 24 febbraio 2011.
  22. ^ Il Programma 1958 e le forze navali integrate in marina.difesa.it. URL consultato il 24 febbraio 2011.
  23. ^ a b I primi anni dell'attuale componente aerea in marina.difesa.it. URL consultato il 24 febbraio 2011.
  24. ^ I programmi e le unità negli Anni '60 in marina.difesa.it. URL consultato il 24 febbraio 2011.
  25. ^ Ricostituzione del Battaglione San Marco in btgsanmarco.it. URL consultato il 24 febbraio 2011.
  26. ^ a b Sacchi 2000, p. 59
  27. ^ (EN) Il cacciatorpediniere Walker in uboat.net. URL consultato il 24 febbraio 2011.
  28. ^ (EN) Il cacciatorpediniere Taylor in uboat.net. URL consultato il 24 febbraio 2011.
  29. ^ (EN) Il cacciatorpediniere Prichett in uboat.net. URL consultato il 24 febbraio 2011.
  30. ^ Dalla Legge Navale al Golfo Persico in marina.difesa.it. URL consultato il 25 febbraio 2011.
  31. ^ a b Sacchi 2000, p. 60
  32. ^ Giuliano da Frè, Le forze armate libiche in I Documenti di Analisi Difesa, nº 68, giugno 2006. URL consultato il 25 febbraio 2011.
  33. ^ Verso il Libro Bianco della Marina in marina.difesa.it. URL consultato il 25 febbraio 2011.
  34. ^ a b c L'Applicazione della Legge Navale in marina.difesa.it. URL consultato il 25 febbraio 2011.
  35. ^ Operazioni in aeronautica.difesa.it. URL consultato il 25 febbraio 2011.
  36. ^ "Così salvammo la boat people" - Diario dal Vietnam 30 anni dopo in parma.repubblica.it. URL consultato il 19 febbraio 2011.
  37. ^ a b c Dal Libro Bianco 1985 al Golfo Persico in marina.difesa.it. URL consultato il 20 febbraio 2011.
  38. ^ Saverio Zuccotti, La Marina militare italiana e le sue portaerei in paginedidifesa.it, 8 febbraio 2004. URL consultato il 25 febbraio 2011.
  39. ^ Hanno minato il Mar Rosso otto navi sono saltate in ricerca.repubblica.it. URL consultato il 21 febbraio 2011.
  40. ^ a b c La situazione nel Mediterraneo negli anni '80 in marina.difesa.it. URL consultato il 21 febbraio 2011.
  41. ^ a b Nave Vittorio Veneto - La vita operativa in navevittorioveneto.it. URL consultato il 21 febbraio 2011.
  42. ^ Torna il "Jolly Rubino" l'equipaggio racconta in ricerca.repubblica.it. URL consultato il 19 febbraio 2011.
  43. ^ La Marina Militare alla fine degli Anni '80 in marina.difesa.it. URL consultato il 25 febbraio 2011.
  44. ^ Missione compiuta, il San Marco a casa per la Marina l'impegno è ora in Adriatico in archiviostorico.corriere.it. URL consultato il 21 febbraio 2011.
  45. ^ Vedi DOP in dizionario.rai.it. URL consultato il 25 febbraio 2011.. La pronuncia classica, Còssovo /ˈkɔssovo/, è variamente attestata: cfr. «La battaglia di Còssovo in cui l'impero di Serbia perì» (Giosuè Carducci); «Ti chiaman di Còssovo al piano» (Gabriele d'Annunzio). L'accentazione Cossòvo /kosˈsɔvo/, all'albanese, è invece priva di riscontro storico, sebbene attestata nell'uso giornalistico contemporaneo. Del resto, Cossovo è un nome serbo (Kosovo Polje, la "Piana dei Merli").
  46. ^ Bruno Branciforte, Operazioni di contrasto della pirateria, Marina Militare, 15 giugno 2011. URL consultato il 29 marzo 2013.
  47. ^ (EN) EUNAVFOR Mission in eunavfor.eu. URL consultato il 19 febbraio 2011.
  48. ^ (EN) La pagina del SNMG2 sul sito NATO in manw.nato.int. URL consultato il 19 febbraio 2011.
  49. ^ Operazioni umanitarie della Marina all'estero dal secondo dopoguerra ad oggi in marina.difesa.it. URL consultato il 25 febbraio 2011.
  50. ^ La Marina Militare in soccorso dei civili in Libano in difesa.it. URL consultato il 25 febbraio 2011.
  51. ^ Missione "Leonte" - Libano, 2006 in btgsanmarco.it. URL consultato il 25 febbraio 2011.
  52. ^ Andrea Doria in marina.difesa.it. URL consultato il 25 febbraio 2011.
  53. ^ Caio Duilio in marina.difesa.it. URL consultato il 25 febbraio 2011.
  54. ^ L'incrociatore Vittorio Veneto nave museo in paginedidifesa.it. URL consultato il 25 febbraio 2011.
  55. ^ Ministero della Difesa - Operazione "Unified Protector": navi italiane partecipano all'embargo in difesa.it, 26 marzo 2011. URL consultato il 16 aprile 2011.
  56. ^ UNIFIL - (United Nations Interim Force in Lebanon) in marina.difesa.it. URL consultato il 18 luglio 2014.
  57. ^ Le Fregate Europee Multi Missione in marina.difesa.it. URL consultato il 25 febbraio 2011.
  58. ^ Joint Strike Fighter in marina.difesa.it. URL consultato il 25 febbraio 2011.
  59. ^ Rapporto 2012 in Notiziario della Marina, Marina Militare, novembre-dicembre 2012, pp. 60-61. URL consultato il 27 gennaio 2013.
  60. ^ Rapporto 2012 in Notiziario della Marina, Marina Militare, novembre-dicembre 2012, pp. 48-55. URL consultato il 27 gennaio 2013.
  61. ^ Organigramma Marina in marina.difesa.it. URL consultato il 17 luglio 2014.
  62. ^ Dipende dalla Marina Militare e funzionalmente dai ministeri delle infrastrutture e dei trasporti, dell'ambiente e della tutela del territorio del mare e delle politiche agricole alimentari e forestali.
  63. ^ a b c d I Comandi marittimi dipendono per compiti e funzioni territoriali dal capo di stato maggiore, per compiti e funzioni logistiche dal Comando logistico.
  64. ^ Lo Stato Maggiore e gli altri Corpi della Marina in marina.difesa.it. URL consultato il 24 febbraio 2011.
  65. ^ Cfr. l'15 2010, n. 66, in materia di "art. 118 del d.l. 15 marzo 2010, n. 66 ovvero "Codice dell'ordinamento militare""
  66. ^ Portaeromobili in marina.difesa.it. URL consultato il 29 ottobre 2013.
  67. ^ Classe Sauro in marina.difesa.it. URL consultato il 26 febbraio 2011.
  68. ^ Classe Todaro in marina.difesa.it. URL consultato il 26 febbraio 2011.
  69. ^ Il dopoguerra in marina.difesa.it. URL consultato il 26 febbraio 2011.
  70. ^ I primi anni dell'attuale componente aerea in marina.difesa.it. URL consultato il 26 febbraio 2011.
  71. ^ (EN) Warship in books.google.it. URL consultato il 26 febbraio 2011. p. 76
  72. ^ Storia dell'Aviazione Navale Italiana in elicotterienavi.com. URL consultato il 26 febbraio 2011.
  73. ^ Forza di proiezione dal mare in btgsanmarco.it. URL consultato il 18 febbraio 2011.
  74. ^ Forze aeree in marina.difesa.it. URL consultato il 18 luglio 2014.
  75. ^ Nasce la Brigata San Marco: tradizioni e ottimizzazione delle risorse in marina.difesa.it, 1º marzo 2013.
  76. ^ I^ Guerra Mondiale in btgsanmarco.it. URL consultato l'8 novembre 2010.
  77. ^ Rapporto 2012 in Notiziario della Marina, Marina Militare, novembre-dicembre 2012, p. 55. URL consultato il 27 gennaio 2013.
  78. ^ Evoluzione del GOI in marina.difesa.it. URL consultato il 26 febbraio 2011.
  79. ^ Arsenali in marina.difesa.it. URL consultato il 26 febbraio 2011.
  80. ^ I Musei della Marina in marina.difesa.it. URL consultato il 15 marzo 2013.
  81. ^ Categorie in marina.difesa.it. URL consultato il 13 marzo 2013.
  82. ^ Istituti di formazione in marina.difesa.it. URL consultato il 26 febbraio 2011.
  83. ^ Centro di Selezione della Marina Militare in marina.difesa.it. URL consultato il 26 febbraio 2011.
  84. ^ Centro Sportivo Remiero di Sabaudia in marina.difesa.it. URL consultato il 26 febbraio 2011.
  85. ^ MARICENTRO Taranto in marina.difesa.it. URL consultato il 13 marzo 2013.
  86. ^ a b c Fari e segnalamenti in marina.difesa.it. URL consultato il 25 febbraio 2011.
  87. ^ (EN) Standing NATO Maritime Group 1 and 2 in aco.nato.int. URL consultato il 20 febbraio 2011.
  88. ^ (EN) Standing Naval Force Mediterraneant in afsouth.nato.int. URL consultato il 20 febbraio 2011.
  89. ^ Standing Nato Maritime Countermine Group 2 - NATO in marina.difesa.it. URL consultato il 20 febbraio 2011.
  90. ^ Ocean Shield in marina.difesa.it. URL consultato il 20 febbraio 2011.
  91. ^ Multinational Force & Observers (MFO) in marina.difesa.it. URL consultato il 20 febbraio 2011.
  92. ^ Forza Anfibia Italo-Spagnola (SIAF) e La Forza Italo-Spagnola da Sbarco (SILF) in marina.difesa.it. URL consultato il 20 febbraio 2011.
  93. ^ a b c d e f g (EN) Italy - Military Rank Flags in flagspot.net. URL consultato il 27 febbraio 2011.
  94. ^ Le bandiere della Regia Marina in regiamarina.net. URL consultato il 27 febbraio 2011.
  95. ^ (EN) Italy - Maritime Flags in flagspot.net. URL consultato il 27 febbraio 2011.
  96. ^ a b (EN) Italy - Naval Flags in fotw.net. URL consultato il 27 febbraio 2011.
  97. ^ a b La Bandiera della Marina Militare in marina.difesa.it. URL consultato il 27 febbraio 2011.
  98. ^ Medaglia al valore di Marina in quirinale.it. URL consultato il 27 febbraio 2011.
  99. ^ Rinnovato splendore per lo stemma araldico della Marina in marina.difesa.it, 6 febbraio 2013. URL consultato il 28 febbraio 2013.
  100. ^ a b c La Bandiera d'arma della Marina (PDF) in difesa.it. URL consultato il 13 marzo 2013.
  101. ^ a b Festa della Marina in marina.difesa.it. URL consultato il 27 febbraio 2011.
  102. ^ Preghiera del Marinaio in marina.difesa.it. URL consultato il 27 febbraio 2011.
  103. ^ La preghiera del marinaio in leganavaleverona.it. URL consultato il 20 febbraio 2011.
  104. ^ La Banda Musicale della Marina in marina.difesa.it. URL consultato il 27 febbraio 2011.
  105. ^ Notiziario della Marina - periodico fondato nel 1954 in marina.difesa.it. URL consultato il 25 febbraio 2011.
  106. ^ Notiziario Della Marina - discussione sull'identificazione di un sommergibile apparso su un vecchio numero del Notiziario in betasom.it. URL consultato il 25 febbraio 2011.

Bibliografia

Libri

Sitografia

Atti normativi

Voci correlate

Altri progetti

This page is based on data from Wikipedia (read/edit), Freebase, Amazon and YouTube under respective licenses.
Text is released under the Creative Commons Attribution-ShareAlike License.